Metodo e Ricerca

Dal 1988, quando ancora eravamo alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, ci siamo specializzati in linguaggio audiovisivo e strategie, iniziando ad utilizzare prodotti audiovisivi come strumenti per la lettura e la comprensione dell'ambiente urbano.
Ci concentriamo sulle strategie di comunicazione di marca rispetto al linguaggio audiovisivo, inizialmente come modo per valorizzare prodotti di design e poi come approccio complementare a quello più tradizionale di marketing, branding e pubblicità. Oggi il nostro gruppo si occupa di strategie integrate di progettazione transmediale in termini di contenuti, esperienza, e relazione con l'utente con il proprio contesto.

Imagis Lab utilizza un sistema integrato di diverse competenze che vanno dal design della comunicazione al multimedia, all'interazione per affrontare questioni sociali complesse e supportare con la culture del progetto la trasformazione delle città verso la sostenibilità e l'innovazione sociale.
Il dialogo tra cittadini, società ed impresa è un tema a noi caro, che analizziamo attraverso ricerche sia teoriche che applicate.

La pratica di design guida le nostre attività nella direzione di processi strategici e creativi.
I dispositivi per la produzione, il consumo e la condivisione di immagini fisse e video sono sempre più popolari e accessibili oggi. Eppure, l'individuazione di strumenti di comunicazione semplici ed efficaci è di fondamentale importanza per condividere i processi di innovazione in corso sia nei contesti sociali che di businnes, così come identificare linguaggi e formati per comprendere e tradurre fenomeni complessi, offrendo visioni innovative e sostenibili del futuro.

Imagis cerca un approccio di rottura il cui scopo è indagare e prototipare la narrazione come forza trainante nei processi di coinvolgimento e di costruzione di identità. Ciò consente un sostegno attivo ai bisogni della comunità e di superare i confini di cinque ambiti differenti: branding e comunicazione strategica, narrazione audiovisiva, pratica transmediale, social media e sistemi ludici.